Musei e arte

"La nascita di Cristo", Juan Pantocha de la Cruz - descrizione del dipinto


Nascita di Cristo - Juan Pantocha de la Cruz. 260 x 172 cm.

Questa immagine è stata creata secondo una delle storie bibliche più popolari: la nascita di Gesù Cristo. La parte inferiore, su cui sono catturati i personaggi principali dell'evento, personifica la terra; la striscia scura centrale separa il cielo dalla vita terrena; la parte più alta raffigura il regno dei cieli con angeli in ginocchio che pregano.

Lo sfondo scuro sottolinea il riferimento alla Bibbia, secondo la quale la Vergine Maria diede alla luce Cristo in una grotta, che fungeva da stalla per il bestiame. Questo è ricordato anche da un agnello bianco che dorme pacificamente ai suoi piedi. Questo è un peculiare gioco di simboli - l'agnello non solo sottolinea il luogo di nascita di Gesù, ma lo personifica anche - l'agnello di Dio.

Al centro della parte inferiore della composizione, è raffigurata la Vergine Maria, con le mani incrociate sul petto e guardando con amore il bambino sdraiato in grembo. Indossa un vestito rosso e una tavola scura drappeggiata sui capelli.

Questa scena lirica e tenera di amore materno è circondata da numerosi personaggi con strumenti musicali nelle loro mani. Sono vestiti in modo simile a un artista contemporaneo. Dettagli accurati e una magnifica immagine degli elementi più piccoli danno la caratteristica calligrafia dell'artista. Queste persone stanno in semicerchio, formando una sorta di guardia d'onore vicino al bambino Gesù e sua madre.

L'oscurità dell'arco della caverna si trasforma gradualmente in uno strato di nuvole sopra di esso. In ginocchio ci sono cinque angeli con grandi ali in abiti lunghi e larghi di diversi colori. Si trovano anche in un semicerchio, essendo una specie di riflesso di ciò che sta accadendo sotto di loro, sul terreno.

La tela si distingue per i colori luminosi, armoniosamente selezionati, ma non appariscenti, leggermente ovattati e una ricca combinazione di colori.


Guarda il video: Visione celestiale e descrizione del PARADISO Maria Valtorta (Potrebbe 2021).