Musei e arte

Forgotten Village, Arkhip Kuindzhi - descrizione del dipinto

Forgotten Village, Arkhip Kuindzhi - descrizione del dipinto

Villaggio dimenticato - Arkhip Ivanovich Kuindzhi. Olio su tela 81,7 x 165

Il tipico paesaggio "Peredvizhnik" "Villaggio dimenticato" fu dipinto da Arkhip Kuindzhi nel 1874.

L'idea della trama è venuta al pittore durante un viaggio nel sud della Russia. Arkhip Ivanovich incontrò molti poveri, come se dimenticassero i villaggi di Dio, e questo gli fece un'impressione indelebile. Essendo se stesso dal più semplice, il maestro ha espresso una posizione esclusivamente civica nella pittura di genere paesaggistico - anche la natura che circonda una manciata di case oscure appare davanti allo spettatore attraverso il prisma di simpatia per il villaggio devastato. Tutto qui "respira" la disperazione e la povertà.

Perfino nella fase preparatoria, Kuindzhi ha condiviso l'idea del futuro lavoro con Kramsky, e, a sua volta, ne ha parlato con Repin. Ci sono prove che Ilya Efimovich ha affermato che l'idea è semplicemente incomparabile, esclamando: "Che cosa ho scavato!".

In effetti, la trama del quadro era molto in sintonia con le politiche socialmente rivelatrici dei Wanderers, e Kuindzhi ha cercato consapevolmente di unirsi a una società d'arte indipendente. L'artista divenne un membro a pieno titolo ufficiale della Partnership nel 1875 e il Villaggio Dimenticato, insieme a Chumatsky Trakt e Autumn Roadway contribuirono a questo.

Il dipinto ci disegna una strada accidentata che conduce al villaggio, rappresentato dalle sagome delle case con tetti triangolari. L'autore ha deliberatamente rifiutato di dettagliare - l'aspetto non distrutto delle case dovrebbe trasmettere l'abbandono del villaggio. Questa è una tecnica straordinaria e innovativa.

Terra marrone-verde, rami spogli di un albero in lontananza, una recinzione distrutta e un cielo "pesante" in riccioli di basse nuvole grigio-marroni che pendono sul villaggio - tardo autunno tetro ha lo scopo di enfatizzare la solitudine di questo luogo. Come vivono le persone qui su questa nuda terra, lacerata dalle piogge? Duro e triste!

Il pittore è stato in grado di creare un'immagine molto lunatica, ma molto presto Kuindzhi si allontanerà dai motivi sociali, scegliendo per se stesso un altro obiettivo: cantare la bellezza naturale!


Guarda il video: Taiji Development Log #8 - Art Gallery Art (Giugno 2021).